Il Vero volto di Gesù

                       Gennaro Anziano: "LA FINE DEL MONDO È VICINA!" - "THE END OF THE WORLD IS NEAR!"

Cielo_a3_LNE2_17

  

 
 

DIZIONARIO DELLA SAPIENZA DIVINA

Click su cover per ingrandire

DIZIONARIO DELLA

SAPIENZA DIVINA

ORDINA  VOL.1  

QUI

Dalla monumentale Opera "La Nuova Rivelazione" è stato tratto questo Dizionario della Sapienza Divina in 7 Volumi. La Nuova Rivelazione è composta da 36 volumi che coprono un ammontare di pagine pari a 14.000. Non è facile per tutti affrontare una così copiosa lettura per la quale ci vogliono mediamente tre anni. Con il Dizionario si viene enormemente facilitati perché, di volta in volta, si possono scegliere gli argomenti più importanti soddisfacendo in pieno i singoli desiderata di ognuno di noi. Così facendo, un singolo argomento può essere rivisto, in breve, più e più volte, raggiungendo sullo stesso un pieno approfondimento. In questo modo, viene facilitato lo scambio fra le persone per un dibattito creativo sull'Opera Divina. Così, non si rimane soli nella lettura e la Parola rende testimonianza vivente agli uomini. Sullo sfondo, il grande, potente e immenso Dio diviene più familiare nel quotidiano, portandoci al pieno riconoscimento del nostro Grande Padre ABBA!

Il Signore avverte

1. [Jakob Lorber], lo scrivano della presente Opera cercò e trovò. Chiese, e gli fu dato; e per mezzo di lui fu dato anche a tutti coloro che sono di cuore buono e di buona volontà. A coloro, invece, che qui cercano soltanto con la loro presunta pura intelligenza mondana, non sarà dato né sarà aperto.

2. Chi leggerà la presente Opera con cuore umile, riconoscerà il vero Autore. [GFD1.1-2]

3. Il motivo per cui tra i "molti chiamati, pochi sono gli eletti" è dovuto al fatto che sono pochi coloro che ascoltano le Parole del Signore: "Rinnega te stesso, prendi la croce sulle spalle e poi seguiMi!".

 [SS.c15. §19]

DIZIONARIO OELLA SAPIENZA DIVINA

Il Dizionario della Sapienza

Il Dizionario è tratto dall'Opera La Nuova Rivelazione o Nuovo Libro della Vita, dettata da Gesù a Jakob Lorber. Di essa Gesù dice: questa è la NUOVA DOTTRINA che Io do dai Cieli! Essa è la Vera, NUOVA GERUSALEMME dai Cieli poichè l'antica, cioè quella terrena, non vi serve più a niente! [GVG.v6.c13.§5]

 

SIRIO

5. E questo periodo della Creazione, rispetto a tutti gli altri, ha il vantaggio, di gran lunga non ancora riconoscibile per voi con sufficiente chiarezza, di essere l’unico, in tutta l’Eternità e Infinità, nel quale Io Stesso Mi sia rivestito perfettamente della natura carnale umana e in cui di tutto il grande Uomo cosmico Io Mi sia scelto questo globo cosmico, e all’interno di questo Io Mi sia scelto la galassia dei soli centrali [degli ammassi stellari] in cui c’è Sirio, dei cui duecento milioni di soli [planetari] che gli ruotano intorno Io abbia scelto proprio questo [vostro] sole, eleggendo – fra i molti corpi mondiali che gravitano intorno ad esso – precisamente questo pianeta sul quale ora ci troviamo, per diventare Io Stesso Uomo su di esso e per allevare da voi uomini dei veri figli Miei per tutta l’Infinità ed Eternità che furono e che saranno.

[GVG.v4.c255.§1-13]   

Costellazione del Cane

. [GTT.40-41]

40.Dunque ascolta, tu grande focolare di fuoco, tu antico Sole1 centrale che nel Cane2 fai spicco come corona di splendore dei tuoi Soli; che cosa, con i tuoi raggi lanciati infinitamente lontano, hai dunque scorto di Me, nei tuoi cosmi, che ti sembra il massimo? Infatti vedi, ti girarono intorno Soli a trilioni, a ciascuno di essi erano annesse Lune, Terre e comete a milioni, cosicché ognuno, come un cosmo, potesse operare nella sua sfera dato che di certo da ognuno si dispiegarono innumerevoli opere assolutamente sublimi; perciò tu, in tutte queste opere che sono infinitamente tante, di certo noterai pure in qualche modo tra queste la Mia più grande!

41.Oh, prenditi tempo, [...]

penetra nel tuo punto centrale dello spirito di fuoco da lì assai presto e velocemente la risposta giusta tu porterai.

1 E' un Sole centrale degli Ammassi stellari intorno al quale orbitano trilioni di Soli.[NdR].
2 Costellazione del 'Gran Cane'. 
 

A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

L'Anticristo [GVG 8/39/10. Verrà un tempo in cui l’Europa supererà, e di molto, l’Asia nella fede, ma per il momento essa è in generale molto rozza ed immatura, dato che è immersa troppo profondamente nel più tenebroso paganesimo, del quale non potrà liberarsi ancora per parecchie centinaia di anni. Ma là ci saranno anche molti che, nel Mio Nome, si troveranno nella pienissima Verità, i quali verranno perseguitati continuamente dai pagani, chi in modo maggiore e chi minore. Io però pronuncerò su di loro un grandissimo Giudizio, cosicché allora tutti i pagani avranno quello che si meritano.

SS 1/83/13. …Voi non dovete però immaginarvi il paganesimo di quel tempo, al quale Io ho accennato, così come è quello attuale. Allora i templi degli idoli attuali saranno già stati distrutti da lungo tempo, ma al loro posto l’Anticristo ne avrà costruito un gran numero di altri, e ciò perfino nel Mio Nome. I loro sacerdoti si faranno onorare altamente sulla Terra come Miei vicari, e la loro maggiore preoccupazione sarà quella di attrarre a sé tesori mondani in abbondanza! Essi si impingueranno, mentre il popolo vivrà in grande miseria, sia spirituale che corporale.

SS 1/83/15. Vedete, quando quel paganesimo avrà preso la prevalenza, allora al più presto il grande Giudizio si riverserà sulla nuova meretrice di Babele!

SS 1/83/3. Però, con la Mia nascita si è già iniziato ovunque il giudizio dei pagani. Ora esso continua in maggior misura e proseguirà fino a che ci sarà luce completa tra gli uomini su questa Terra, per quasi duemila anni!

SS 1/83/4. Però, come voi ora, verso Oriente, vedete sovrapporsi ogni genere di nuvole all’orizzonte, come se volessero ostacolare il sorgere del Sole, così anche contro il grande sorgere dello spirituale ed eterno Sole della Verità, che dovrà venire un giorno, una grande massa nuvolosa di ostacoli di ogni genere comincerà ad accumularsi e provocherà molti danni fra gli uomini. Ma tali ostacoli non riusciranno comunque ad impedire il finale grande sorgere del Sole della Verità.

SS 1/83/5. Voi prima avete visto risplendere in Cielo ancora molte belle stelle e verso occidente voi vedeste anche le stelle che brillavano nella notte fonda. Vedete, queste stelle, come buoni messaggeri, precedevano i messaggeri del mattino ancora visibili, ed operavano nella notte. E questa è ora la vostra missione!

SS 1/83/6. Quando però all’orizzonte spirituale del mattino si leveranno i messaggeri mattutini ancor più chiari, questo sarà un segno che ad essi presto seguirà il grande e generale Sole della Vita e della Verità.(1) La sua chiarissima Luce sarà un Giudizio inflessibile su ogni menzogna e ogni inganno, e la menzogna, con tutti i suoi discepoli e veneratori ed anche con il suo grande sfarzo mondano, verrà scaraventata negli abissi del disprezzo, della giusta ira e della dimenticanza. Infatti, dopo di allora, gli uomini illuminati non si ricorderanno più dell’inganno e del Giudizio durato tanto a lungo.

(1) La Grande Rivelazione o La Nuova Gerusalemme - I Nuovi Libri che sono stati rivelati a Jakob Lorber dal 1840 al 1864.

SS 1/83/7. Come però ora potete già ben osservare che le nuvole nere che erano prima così minacciose cominciano ad avere bordi splendenti d’oro, così pure anche in quei tempi vi accorgerete come gli uomini, che poco prima erano ancora veri nemici della Luce della Verità, verranno sempre più chiaramente illuminati da tutte le parti dai raggi di Luce della Verità e poi, rilucendo essi stessi, diverranno nemici della vecchia menzogna. Ed un tale risplendere del Sole della Verità dai Cieli, che si sta avvicinando al suo pieno sorgere, sarà il Mio Segno come Figlio dell’uomo per tutti gli uomini veritieri sulla Terra, e sarà l’inizio della fine del grande Giudizio sulla prostituta della nuova Babele.

SS 1/83/8. Ed ecco che gli amanti della Verità giubileranno assai e Mi loderanno perché Io in precedenza ho inviato loro il segno del Mio sorgere nel Cielo del Giorno interiore dello Spirito! Ma i nemici della Verità cominceranno il pianto e il gran stridore di denti, e cercheranno, per quanto possibile, di nascondersi in angoli oscuri con i loro fedeli che andranno sempre più diminuendo, il che però non servirà loro a nulla, poiché non appena il pieno Sole della Verità sarà sorto, esso illuminerà a fondo tutti i buchi, angoli e caverne, per quanto oscuri essi siano, cosicché i nemici della Luce non avranno più alcun rifugio sulla Terra intera!

SS 1/83/9. Io Stesso però, quale eterna Verità, sarò in quel Sole e, attraverso la sua Luce, sarò presso gli uomini come Sovrano e Guida della loro vita e del loro destino temporale, spirituale ed eterno.

SS 1/83/10. Con ciò vi ho mostrato ora, secondo la piena e comprensibile Verità, il grande Giudizio del nuovo e vecchio paganesimo, e questo era per voi. Ma Io più tardi vi darò per gli uomini anche un quadro che voi potrete poi anche trasmettere, però non senza la vera spiegazione. Ora però continuiamo ad osservare la scena mattutina!».

[GVG 8/47/1-16] Il futuro di Roma e dell’Anticristo. GVG 8/47/1. Dopo un quarto d’ora, durante il quale noi tutti continuammo a contemplare le scene mattutine con molta attenzione, Io Mi rivolsi nuovamente a tutti i presenti, dicendo: «Proprio adesso fate attenzione a ciò che apparirà ancora in immagine prima del completo sorgere del Sole! Infatti, Io voglio che anche voi abbiate a vedere con i vostri occhi come tutto si presenterà negli ultimi tempi del nuovo paganesimo!».

GVG 8/47/2. Ed allora tutti volsero gli sguardi verso Oriente, con raddoppiata attenzione; c’era ancora una mezz’ora di tempo prima che il Sole sorgesse completamente, cosicché parecchie immagini avrebbero potuto svilupparsi dinanzi agli occhi dei discepoli che si trovavano vi­cino a noi.

GVG 8/47/3. Dapprima si vide una spessa nebbia completamente nera da lontano all’orizzonte; allorché questa nebbia ebbe raggiunto approssimativamente sette volte l’altezza delle lontane montagne all’orizzonte, essa divenne come incandescente perché fu attraversata improvvi­samente da innumerevoli fulmini, ciò che fece supporre ai presenti che là imperversasse un tremendo temporale.

GVG 8/47/4. Però Io dissi: «Non preoccupatevi, poiché all’infuori di noi nessuno scorge qualcosa di questa apparizione».

GVG 8/47/5. Dopo di che si continuò ad osservare tranquillamente che cosa si stesse preparando.

GVG 8/47/6. Ed ecco, sul bordo superiore e nero delle nebbie infiammate dai molti fulmini apparve una grande città!

GVG 8/47/7. Ed Io dissi: «Guardate l’immagine della nuova Babele!».

GVG 8/47/8. A questa vista, Agricola (2) disse: «Ma ciò ha una considerevole somiglianza con la nostra Roma! Soltanto che io vedo una quantità di rovine intorno ad essa, tuttavia, nella parte centrale della città, accanto ai vecchi edifici a me ben noti, ci sono un gran numero di nuovi edifici e templi, le cui sommità sono adornate, caso strano, con delle croci. Che cosa significa ciò?».

(2) Si tratta dell'Amministratore romano Agricola ricoprente un'alta carica nell'Amministrazione Statale Superiore di Roma, e seguace di Gesù.

GVG 8/47/9. Dissi Io: «Vedi, questo è il declino del vecchio paganesimo e allo stesso tempo l’inizio di quello nuovo! Già fra circa cinquecento o seicento anni, calcolando da ora, tale città avrà completamente questo aspetto! Continuate però ad osservare l’apparizione!».

GVG 8/47/10. E nuovamente tutti rivolsero la loro attenzione alla visione le cui scene si susseguivano rapidamente; ed ecco, si poterono vedere grandi migrazioni di popoli e molte terribili battaglie e guerre; al centro della città si vide ergersi qualcosa come una montagna sulla quale stava un alto e grande trono come d’oro incandescente. Sul trono sedeva un sovrano con sul capo una triplice corona ed in mano uno scettro la cui punta era ornata da una triplice croce. Dalla sua bocca partivano innumerevoli frecce, e dai suoi occhi e dal suo petto si sprigionavano altrettanti lampi di ira e di massima superbia. Ed innanzi a lui si presentavano dei re, molti dei quali si inchinavano profondamente al suo cospetto. Ed egli guardava amichevolmente coloro che si inchinavano così dinanzi a lui, e confermava il loro potere. Coloro invece che non si inchinavano davanti a lui, venivano perseguitati mal­vagiamente e mal ridotti dalle sue frecce e fulmini.

GVG 8/47/11. Ed Agricola disse: «Questo non offre certo una buona immagine dei futuri dominatori della nuova Babele ed ha tutto l’aspetto che la sua potenza sarà ancora maggiore e anche molto più crudele di quanto è ora. Infatti, adesso vengono condannati alla crocifissione soltanto i peggiori delinquenti e questo soltanto con una croce semplice. Costui però ne tiene una triplice nella sua mano di dominatore e la usa perfino contro tutti gli altri re! Signore e Maestro, spiegaci questo almeno un po’!».

GVG 8/47/12. Dissi Io: «Questo non rappresenta un particolare sovrano di molti Paesi e Popoli, ma solo la personalità visibile dell’Anticristo! La triplice croce invece indica la Mia Dottrina, la quale, triplicemente falsificata, verrà imposta ai re ed ai loro popoli, falsa nella parola, falsa nella verità e falsa nella vivente applicazione.

GVG 8/47/13. I re, però, che non si piegano davanti a lui e che egli maledice, sono quelli che restano ancora più o meno nella verità della vecchia Dottrina. Essi vengono bensì raggiunti dalle sue frecce e dai suoi fulmini, ma questi ciononostante non possono infliggere loro alcun rilevante danno. Ma ora continuate ad osservare la visione; attraverso di essa Io posso però mostrarvi solo i momenti principali!».

GVG 8/47/14. E ora tutti guardarono di nuovo con maggiore attenzione.

GVG 8/47/15. «Ed ecco radunarsi, con le loro legioni di guerra, molti re che ancora poco prima si erano inchinati profondamente davanti al trono, ed andare contro di lui! Vedete che battaglia accanita e come il suo alto trono già sprofonda alquanto negli abissi della città. Voi vedete solamente alcuni re che, solo “pro forma” (in apparenza), si inchinano dinanzi a lui, mentre invece dai molti altri re, distaccatisi da lui, vengono rilanciati ora moltissimi dardi e fulmini contro di lui. Ma ora di lui non si vede quasi più nulla; e questo accadrà già dall’anno mille fino al millecinquecento, milleseicento e millesettecento.

GVG 8/47/16. Ora però guardate! Egli tenta di risollevarsi nuovamente, circondato da nere masnade, ed alcuni re gli tendono le mani per aiutarlo; ma osservate, coloro che fanno ciò diventano ben presto del tutto impotenti ed i loro popoli strappano loro le corone dal capo e le danno ai re forti!

E vedete! Ora il suo trono si inabissa ed i re forti accorrono e lo dividono in più parti, e così crolla per lui tutto il suo potere, la sua altezza e grandezza! È vero che egli continua ancora a scagliare attorno a sé frecce e deboli fulmini, ma essi non danneggiano più nessuno, poiché per la maggior parte ritornano su di lui e feriscono lui e le sue stanche e tenebrose orde».

[GVG 8/48/1-12] Il Regno dei Mille anni. Nascita della "nuova" Terra spirituale.

GVG 8/48/1. (Continua il Signore: ) «Ma vedete ora come il Sole comincia a pervadere ogni cosa con la sua luce, e voi vedete le orde tenebrose fuggire da tutte le parti, meno che nella direzione da cui viene il Sole! Davanti alla sua luce ora tutto svanisce e sprofonda nel regno dell’oblio.

GVG 8/48/2. Ma ora guardate là un’altra volta, e voi scorgete come dalle nuvolette lucenti si forma una Nuova Terra! Che cosa mai rappresentano le nuvolette lucenti? Sono associazioni di tutti quegli uomini che sono illuminati dalla divina Verità.

E vedete, ora queste associazioni si avvicinano fra loro sempre più strettamente, e formano così un’unica grande associazione. E vedete, questa è appunto la Nuova Terra, sopra la quale si estende un Nuovo Cielo pieno di luce e di chiarezza!

GVG 8/48/3. Ma con questo non dovete farvi l’opinione che questa Terra naturale passerà [in quel tempo] e sia trasformata in una nuova Terra, ma saranno solo gli uomini a formare fra loro nel Mio Nome una Nuova Terra spirituale, come veri fratelli e sorelle, attraverso la piena accoglienza della divina Verità nei loro cuori.

GVG 8/48/4. Su questa Nuova Terra allora ci sarò Io Stesso e regnerò fra i Miei, ed essi Mi frequenteranno e non Mi perderanno mai più di vista.

GVG 8/48/5. Ma osservate ora, lì accanto, anche la vecchia Terra! Vedete come ora dalla nuova Terra, librandosi in flussi sempre più intensi, scendono delle luci sulla vecchia Terra e la incendiano, così che essa sembra stare tutta in fiamme! Vedete là moltissimi morti uscire come dalle tombe alla luce, e come anch’essi vengono presto rivestiti con l’abito della Verità, e poi anche si sollevano al Regno della Nuova Terra.

GVG 8/48/6. Ma nello stesso tempo notate anche come una parte ancora grandissima, tenebrosa, si sforzi anch’essa di indossare l’abito della Luce sopra il proprio abito nero, allo scopo di formare un’altra volta, con questo e a partire da questo, un nuovo paganesimo anticristico, per il proprio tornaconto e per sete di potere. Io Stesso però faccio irrompere su di loro la Mia Ira, che è il fuoco della Mia Verità, e i Miei angeli della nuova Terra piombano su di loro come con spade fiammeggianti, e colpiscono ogni altro tenebroso sforzo, costringendoli alla fuga e nell’abisso del totale annientamento.

GVG 8/48/7. Questo è allora l’ultimissimo e più grande Giudizio, che avverrà circa mille anni più tardi. Questo tempo sarà chiamato il Mio Regno dei Mille anni sulla Terra, e attraverso questo ultimissimo giudizio esso avrà ancora una volta, per un tempo brevissimo, un’interruzione bellica; ma la vittoria sarà rapida e totale per tutti i tempi futuri. Da quel momento in poi si costituiranno dai Cieli e dalla Terra un solo Pastore e un solo gregge. Il Pastore sarò Io come sempre, e il gregge sarà formato dagli uomini sulla Terra, in piena associazione con i beati nei Miei Cieli.

GVG 8/48/8. Infatti, questi ultimi che ho detto, come accadeva nei primi tempi degli uomini su questa Terra, si intratterranno di nuovo visibilmente con gli uomini della Terra. Ma prima che questo avvenga, anche la Terra naturale subirà delle enormi trasformazioni. Grandi regioni e regni, che adesso sono ancora ricoperti dal grande e profondo mare, saranno innalzati a fertilissimo suolo, e moltissime montagne, adesso ancora molto alte, saranno abbassate, e con le loro cime frantumate saranno riempite moltissime fosse profonde e vallate, e formeranno un territorio fertile.

GVG 8/48/9. E poiché gli uomini in quel tempo non saranno più desiderosi e avidi dei tesori terreni e passeggeri, sulla Terra potranno vivere, molto ben provvisti e felici, anche centomila volte più uomini di quanti ci vivono ora. Contemporaneamente però anche tutte quelle malattie maligne che tormentano fortemente la carne, scompariranno in quel tempo dalla Terra.

Gli uomini potranno raggiungere una serena ed avanzata età e fare molto del bene, e nessuno avrà paura della morte del corpo, perché vedrà davanti a sé in chiari sguardi l’eterna vita dell’anima.

GVG 8/48/10. La cosa principale nel fare il bene consisterà in quel tempo nella retta educazione dei figli e nel fatto che il forte, con ogni amore e con tutte le sue forze, sarà di sostegno agli anziani, più deboli fisicamente.

GVG 8/48/11. Sulla Nuova Terra felice verran­no conclusi anche matrimoni, però secondo il Mio Ordine, così come in Cielo, e saranno anche generati figli in gran numero, ma non per pura libidine, bensì attraverso la vera serietà dell’amore, e ciò sino alla fine di tutti i tempi di questa Terra.

GVG 8/48/12. Ecco che ora avete un quadro fedele, che potete anche capire molto facilmente e bene, dell’ultimo Giudizio su tutti i pagani, sull’intera Terra».

[GVG 8/49/1-13] La missione dei figli di Dio nell’Aldilà. La durata della Terra. GVG 8/ 49/1. A questo punto i discepoli Mi chiesero: «Signore e Maestro! Potremo noi vedere e sentire tutto questo dal Regno degli spiriti ed esserne partecipi? E quanto a lungo continuerà ad esistere ancora la felice Terra fino alla completa fine dei suoi tempi?».

GVG 8/49/2. Dissi Io: «Per quanto riguarda la vostra prima domanda, s’intende già da sé che voi, dai Cieli, non soltanto vedrete, a­scolterete e percepirete tutto chiaramente, ma ne sarete, in tutti i tempi, le guide principali, però non soltanto sulla nuova Terra, ma su tutto il grande Uomo cosmico, come pure su tutte le comunità infinitamente numerose di tutti i Cieli che in eterno non hanno mai confini da nessuna parte.

GVG 8/49/3. Ed è perciò che Io vi dico ancora una volta che nessun uomo ha mai visto, né sentito, e mai in nessun senso umano è stato percepito quello che Dio ha preparato per coloro che veramente Lo amano!

GVG 8/49/4. Io potrei dirvi e perfino mostrarvi adesso quello che il Padre vostro ha preparato per voi, però ora voi non siete in grado di poter ancora sopportare tali cose. Ma quando lo Spirito di ogni Verità e di ogni Vita verrà su di voi, e voi sarete rinati in Esso, Egli vi guiderà e vi innalzerà in tutte le profondità della Mia Luce. Solo allora voi potrete comprendere e penetrare quali grandi parole Io ho detto ora a voi e, attraverso di voi, a tutti gli uomini!

GVG 8/49/5. Ma per quanto riguarda la vostra seconda domanda, questa è veramente ancora molto stolta, dato che la vostra aritmetica non ha assolutamente alcun numero che possa determinare la moltitudine enorme di anni terreni che trascorreranno fino alla fine dei tempi della Terra, e, anche ammesso che fosse possibile in qualche modo, ciò non può avere nessuna importanza per coloro che continueranno a vivere nello Spirito per l’e­ternità.

GVG 8/49/6. Io vi dico: "Nessun angelo in Cielo conosce il tempo e l’ora stabilita, soltanto il Padre lo sa! Infatti l’intera Creazione è il Suo grande pensiero, che non è un pensiero del tempo, ma un pensiero eterno, come il Suo Onnipotente Portatore che lo tiene fermo". Comunque, Io vi ho mostrato, non molto tempo fa, che alla fine giungerà il momento in cui tutto ciò che è materiale verrà trasformato in puramente spirituale, ed esisterà per se stesso. Perciò non è più necessario dirvi ancora qualcosa di più a tale riguardo.

GVG 8/49/7. Guardate ed osservate piuttosto la splendida natura mattutina del giorno e come la luce del Sole, che diventa sempre più forte, disperde tutti i vapori e le foschie della Terra; ed imparate da ciò che in futuro sarà questo spiritualmente il vostro lavoro, anziché chiedere notizie con tanta solerzia su cose che per lungo tempo non vi riguarderanno!

GVG 8/49/8. Quello di cui voi dovete curarvi Io ve l’ho già indicato, e anche molto spesso; per il resto non avete da preoccuparvi! O certo, Io vi dico che è perfino inutile e vano – purché voi vi atteniate a Me, in modo vivo, nella fede e nell’amore – che vi curiate di ciò che mangerete, berrete o vestirete il vostro corpo il giorno seguente!

GVG 8/49/9. Non si riceve al mercato cento passeri per un denaro? Quanto piccolo è dunque il loro valore per gli uomini, e tuttavia il Padre in Cielo ha cura di loro e li veste bene! Ma voi in quanto uomini, varrete di certo di più dei passeri!

GVG 8/49/10. Osservate, qui, questi fiori di campo e questi gigli! Salomone, in tutto il suo splendore, non era tanto magnificamente vestito come lo sono essi! Ebbene, chi si cura delle loro vesti?

Perciò ogni cura di questo genere è vana da parte vostra, ed ancora più vana è ogni vostra cura per la fine completa del tempo della Terra che avverrà in un futuro molto, ma molto lontano. Voi tutti Mi avete ben compreso?».

GVG 8/49/11. Tutti lo confermarono, ad eccezione di Giuda Iscariota. Egli riteneva di non avere troppo chiaro ciò che Io avevo predetto sul monte a proposito dell’ultimo Giudizio dei pagani.

GVG 8/49/12. Io però gli dissi: «Allora rivol­giti a coloro ai quali è risultato chiaro! Quello che i romani, quali pagani, comprendono, dovrebbe essere comprensibile anche a te, quale un ebreo e vecchio discepolo!».

GVG 8/49/13. A queste parole egli non disse altro, poiché aveva ben compreso perché Io gli avevo dato una tale risposta; e così si ritirò.

continua

 

4. In verità, coloro che si alzano quando Io li chiamo, quelli anche risorgeranno alla vita, e non assaporeranno mai la morte, mai in eterno! 

5. Ma coloro che non seguiranno la Mia chiamata, quelli continueranno a giacere per molto e molto tempo! Dunque, alzatevi ora, liberi e lieti! Amen». [GFD.1.180.4-5] 

Il motivo per cui tra i "molti chiamati, pochi sono gli eletti" è dovuto al fatto che sono pochi coloro che ascoltano le Parole del Signore: "Rinnega te stesso, prendi la croce sulle spalle e poi seguiMi!".

 [SS.c15.§19]

Fiumi d'acqua viva sgorgheranno

 da chi crede in Me!

LA TERRA

Figlia del Sole primordiale

[GVG.v4.c106.§8] Estratto conciso

8. La Terra non ha avuto origine da questo sole, contrariamente a tutti gli altri pianeti - ad eccezione di quello fra Marte e Giove, distrutto 6.000 anni fa per opera dei suoi abitanti. La Terra è stata originata dal sole centrale primordiale ed è più vecchia rispetto a questo sole di un periodo di tempo per noi infinito. La Terra ha cominciato a diventare corporea dopo che questo sole, già da molto tempo, aveva iniziato la sua prima rivoluzione intorno al suo sole centrale; ha attratto poi a sé, da questo sole, il proprio elemento corporeo.

DC.v3.c530.§3]

3. Vedete, tutti gli altri pianeti, che con i loro corpi minori orbitano attorno al sole, sono, ad eccezione di un’unica cometa, figli proprio di questo sole, ma non questa Terra insieme alla sua luna. Questa Terra è una figlia proveniente dal sole primordiale, fu lanciata fuori dal grandioso interno di questo sole nel vasto spazio del globo cosmico, con forza indicibile, come corpo già piuttosto compatto, naturalmente da un numero di anni terrestri per voi inimmaginabile. Di una simile provenienza ebbe da rallegrarsi anche quel pianeta1 più grande, di cui sapete che è stato distrutto a partire dall’interno. Per questa ragione però questa Terra è anche così estremamente varia e complicata che in essa, su di essa e sopra di essa compaiono tutti quei materiali originari che, ovviamente in scala grandissima, compaiono soltanto nel sole centrale primordiale; e in esso debbono comparire perché è la [stella] nutrice e la direttrice dei molti, innumerevoli soli centrali secondari e dei soli planetari e dei loro pianeti.

1. Si tratta del grande pianeta Mallona  che si trovava nell’orbita tra Marte e Giove, i cui resti sono gli attuali asteroidi o fascia dei pianetini. [NdR].

SUL SOLE

 L'uomo origina gli esseri

SN.c2.§2]

2. Sui pianeti imperfetti, tutto evolve fino all’uomo, quale ultimo e più perfetto gradino delle cose e degli esseri. Sul Sole, quale pianeta perfetto, è l’uomo, con la sua volontà, che origina gli esseri. Tali entità atomiche, insieme alle muffe eteriche, sono trasferite, sugli altri pianeti mediante la luce solare, e progrediscono poi fino all’uomo. [Estratto conciso].

COSTELLAZIONE DEL LEONE

 

REGOLO

Sole Centrale Primordiale

[GVG.v4.c254.§4-10] 

4. Tu, o Mataele, conosci bene le costellazioni degli antichi egiziani, e anche la stella Regolo nel gran Leone ti è perfettamente nota! Come appare essa ai tuoi occhi? Ecco: un punticino scintillante; e tuttavia là dove essa si trova nello spazio, è un corpo solare così grande che un fulmine, il quale pure in quattro istanti percorre una lunghezza di 400.000 Feldwege1, per coprire la  distanza tra il suo polo settentrionale e quello meridionale impiegherebbe più di un trilione di anni terrestri secondo il sistema di calcolo arabo antico che ti è noto! Il suo nome vero e proprio è Urka, o meglio Ouriza, (il primo, ovvero il principio della creazione di eoni volte eoni (10120 x 10120) di soli inclusi in un globo cosmico di una estensione quasi infinita). Esso è l’anima, ossia il punto centrale di gravità di un globo cosmico, il quale però in sé e di per sé non costituisce che un nervo dell’immenso Uomo cosmico. Ora un tale Uomo cosmico di nervi simili ne ha certamente all’incirca tanti quanti sono i granelli di sabbia e i fili d’erba sulla Terra. Tutto intero questo immenso Uomo cosmico però non costituisce infine che un periodo della Creazione, dal suo inizio fino al termine del suo completamento spirituale.

1. 300.000 km. [NdR].

 

"Chi vuole giungere alla Mia Parola vivente dentro di sé costui sia perfettamente attivo nel praticare la Mia Parola"

www.new-era.org e www.nuovaera.org  © 2006-2015 di Gennaro Anziano. All rights reserved. Vietato riprodurre contenuti non autorizzati!